Do, Dici?

  1. Teoremi e indizi vanno provati prima di trovarne uno su misura.
  2. Profumo di impero (Aroma caput mundi).
  3. Pongo rimedio al malleabile informe.
  4. Lo sparafaggio fa strage d’alberi dalle nostre cantine.
  5. Muta di cani subacquei cambia e si toglie la pelle senza aprir bocca.
  6. Andar per loschi a cercar gnomignoli.
  7. Via Garibaldi (mandatelo in esilio all’Altro Mondo).
  8. Mi scappa la pacca (incontinenza d’affetto).
  9. Lo sfogliame dell’albero leggio.
  10. Lame memoria per tagliar corto con la dimenticanza.
  11. Le manca il profumo (èssenza).
  12. Non contate su di me… non sopporto il peso dei numeri.

 

Ovietà (Della Gallina il Lapalissiano)

Il mulo da somma ha bisogno del suo fido cane da riporto quasi calvo. Il totale? Due cagate nel momento del bisogno (istantaneo sdoppiamento onirico).

Ho visto centrali a profusione nucleare, e funghi atomici cresciuti fra le dita dei piedi delle montagne.

La somma danni è l’età della catastrofe. Salteranno le teste dei grilli colpevoli. Troppi grilli per la testa ma poche, troppo poche, teste per grilli.

Si squillino le trombe e si trombino le squillo. Tutto il resto sono quisquilli: fiato sprecato.

E il clown si masturba credendo di essere non visto nella sua circostanza.

A Rieti

Gli arieti atomici si danno testate nucleari. Cozzano tra di loro come mitili incestuosi (un paniere di molluschi).

Loculista fa tombe per le diottrie passate a miglior vi(s)ta. I lumini sugli occhiali bruciano lenti. La pide è mar morea: scolpita nel duro cuore dell’oceano. Read more

Fila-Menti di Tungsteno per Spegnere la Notte

Apro questo diario online sopratutto per me stesso.

Le malpadine sono idee zoppe, convolute su se stesse, e capaci di illuminare solo in parte. Il loro scopo è quello di trasportare concetti notturni, subliminali e subluminali dall’astrazione elettrochimica della mente all’altalena sintattico-semantica del verbo scritto, ma soprattutto del verbo letto (che ho sonno).

In somma, tolgono carico dal cervello e mettono in carica una sveglia che tuttavia non suonerà mai.

A chiunque abbia bisogno di spegnere la notte: siate benvenuti.